lunedì 22 novembre 2010

La libertà di scegliere

Ogni tanto torno qui, in questo blog, e mi rimprovero per non scriverci mai nulla. Volevo condividere le mie riflessioni con i miei amici, parlare di valori, di attualità, e delle cose di cui sono più competente ed appassionato. Invece questo blog, nato durante la mia campagna elettorale, è rimasto piuttosto trascurato. Ogni volta mi riprometto di rimediare. Lo faccio anche oggi. Non assicuro nulla, solo che ci proverò.

Oggi vi voglio parlare di una questione che mi sta molto a cuore, per la quale ho dato il mio contributo anche in consiglio comunale, sotto l'attenta guida del mio maestro e compagno Gianni Rolando. Il testamento biologico.
Non mi interessano gli aspetti giuridici. A me stanno a cuore i valori.
Penso che nella vita non esista nulla di più importante della libertà, che per me è anzitutto personale, non economica: siamo padroni della nostra vita e della nostra dignità, fino a quando non arriviamo a limitare la libertà, la vita e la dignità altrui.
Personalmente, fatico a immedesimarmi nelle tragedie di Eluana Englaro, di Piero Welby, e di tanti altri malati in stadio terminale o vegetativo. Non so cosa avrei scelto per me, di sicuro avrei fatto di tutto per impedire ai miei cari una decisione estrema. E' però assolutamente inaccettabile che altri impongano una determinata decisione (e qui vorrei citare Pierluigi Bersani, perché "Come muoio io non possono deciderlo Gasparri o Quagliariello"), nel nome dell'assoluta sacralità della vita naturale.
Ma, mi chiedo io, cosa c'è di naturale nel rimanere in vita solamente grazie all'alimentazione artificiale? Cosa c'è di sacro nel ledere la dignità dell'uomo impedendogli di scegliere come vivere e morire?
A mio avviso, nulla. Non capisco l'arretratezza della chiesa cattolica, il suo rifiuto nel comprendere che non esiste nulla di più sacro della dignità della vita umana. Al contempo, fa piacere leggere come l'Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi nel sinodo di quest'anno abbia deciso di creare registri sul testamento biologico in ogni chiesa.

E' la libertà che rende ciascuno di noi unico. La libertà di dire se vogliamo vivere gli ultimi anni della nostra vita come vegetali, attaccati ad una macchina, o se vogliamo opporci. La libertà di vivere, o di liberarci di mille sofferenze. La libertà. Quella che viene garantita e tutelata con il testamento biologico. La libertà di registrare le nostre volontà. Non è eutanasia, nessuno viene ucciso, come qualcuno attraverso propaganda becera vuol fare credere. E' libertà di scegliere se, in seguito ad un tragico avvenimento, vogliamo "vivere attaccati ad una macchina" o "lasciarci andare". Naturalmente. Perché la macchina, di naturale, non ha nulla.

Post scriptum, lasciatemi dire che non c'è nulla di più offensivo verso la sacralità della vita del dileggio. Perché quando il Presidente del Consiglio Berlusconi, dopo aver incontrato Eluana Englaro, ha affermato che "sarebbe anche in grado di procreare", ha oltraggiato la dignità della vita umana.

3 commenti:

Giò ha detto...

il mondo cattolico è vasto e variegato, per fortuna.

Anonimo ha detto...

Toms shoes understands their moral responsibilities and thus have initiated One for One drive, herein, Toms shows donate a pair of shoes each time you buy them. TOMS shoes are promoting their mission by providing Tom shoes coupons.Toms River Cosmetic Dentist Offers Brighter, Whiter Smiles For Life[url=http://www.cheaptomsbuy.com]Cheap Toms sale[/url] The key difference is that rather than covering 20,000 or more runners with a system that is Marathon based, it is now down to you. In Boston, when you push off, it's flat for about two miles and then you hit a sweeper right that continues subtlety down hill into Framingham and then on into Natick along the race course.Uncle Toms Shoes [url=http://www.onlinetomsoutlet.com]Toms Shoes Outlet[/url] A company called Toms Shoes have gone one better by devising a policy to donate a pair of shoes to children in poor countries for every pair bought by the buying public. This company was founded in America in 2006 after its owner saw poor children running around without footwear. Sometimes these children did not go to school as schools do not admit pupils if they do not have any shoes to wear. Just recently this company has also started to sell glasses. The same principle is applied with the sale of these. For every pair sold a pair of glasses is given away and sight restored in the poorer countries of the world. So far this year, forty thousand people have been helped this way. [url=http://www.tomsfans.com]Cheap Toms[/url] Discover Selling for $60 at Ben silver dot com, this espadrille is a print laid over canvas and a rope sole. The shoes are made in Spain but designed with the summer heat of Carolina south beach in mind. Ben Silver Seersucker makes for a perfect match with blue blazer and khaki trousers for a dash of European flair. They definitely a perfect summer weekend footwear for the beach.
Relate Post
[url=http://diendan.muhanquoc.net/member.php?13755-Ephershen]toms outlet high quality for you discount buy[/url]
[url=http://www.couchcapital.com/?p=118#comment-205038]toms outlet high quality for you discount online[/url]

cooksappe ha detto...

facce sapè